Scarpa inglesina uomo: ecco perché preferirla alla francesina

scarpa inglesina uomo

La scarpa inglesina uomo ha un pregio su tutti: prima o poi chiunque subisce il suo fascino

Ecco la scarpa inglesina uomo, l’intramontabile, l’irrinunciabile. Quanti articoli avete letto in merito? Quante volte vi siete ritrovati nel dilemma di dover scegliere un’ inglesina piuttosto che un modello francesina? E quanti abbinamenti vincenti siete riusciti a creare avendo a disposizione una scarpa inglesina uomo? Se vi siete ritrovati in situazioni come queste molte volte, sapete di cosa stiamo parlando.

L’eterno duello tra francesina e inglesina

Sono circa due secoli che la scarpa inglesina ha fatto il suo ingresso nella moda maschile. La francesina ha le sue origini nelle calzature adottate dalle popolane della Francia rivoluzionaria. Il modello, sospinto dai venti della Rivoluzione, divenne celebre e usatissimo in un arco di tempo sorprendentemente breve, soprattutto per i canoni dell’epoca. La sua storia tumultuosa era senza dubbio affascinante, ma legata quasi in esclusiva alle classi più modeste. Eppure, il predominio di questo modello aveva già i minuti contati. Con il XIX secolo si affacciano alla ribalta le inglesine, scarpe uomo destinate a diventare meno formali ma altrettanto amate. Il modello Derby, lanciato dal conte di Derby che lo indossava sul finire del Settecento, cominciò a scalare le classifiche dei modelli preferiti anche nella high society. Il risultato? Una commistione di stili che per la prima volta dopo secoli cominciava a mischiare le carte e a fondare una filosofia nuova nella moda maschile: quella della sperimentazione.

Così cominciava l’eterno duello tra le francesine e i modelli inglesina, una partita giocata a colpi di eleganza che ancora oggi hai i suoi accesi sostenitori e i suoi player. Nonostante le mode trascorse, i cambiamenti e gli anni, c’è ancora qualcosa di ineffabile da cogliere quando si indossa una scarpa inglesina o francesina.

E quel qualcosa di ineffabile si chiama stile.

scarpa inglesina o francesina

Modelli scarpa inglesina uomo e francesina uomo a confronto

La moda uomo comincia dalle scarpe, se sai come riconoscerle

Una cosa è certa: l’uomo elegante si riconosce dalle scarpe. Mai come nella moda maschile, infatti, a fare la differenza sono le calzature. Quali sono quindi le dritte da non lasciarsi sfuggire nella scelta tra una francesina e una scarpa inglesina? Innanzitutto, bisogna sapere che le francesine, a partire dal modello Oxford, sono considerate le classiche per eccellenza. Insuperabili in classe ed eleganza, indirizzano immediatamente l’intenzione di un outfit e gli danno una definizione precisa.

Non tutti gli uomini, però, amano le categorie così rigide, e preferiscono non imbrigliare la propria creatività in regole già stabilite. Cosa determina, a questo punto, la scelta finale? La risposta può sembrare banale, ma in realtà è l’unica vera fino in fondo: la capacità di cambiare.

Le Derby, inglesissime calzature dalla lunga storia alle spalle, raccontano proprio il cambiamento. Un cambiamento visibile dall’allacciatura, innanzitutto. Infatti, mentre nelle francesine Oxford la mascherina è cucita sui gambetti, nelle inglesine sono i gambetti a essere cuciti sopra alla mascherina. Ciò ne condiziona l’allacciatura, stretta nella francesina, larga nell’inglesina, regalando in questo secondo caso un mood più fresco e meno ingessato. Dettagli? Assolutamente sì: ma quei dettagli in grado di modificare le tendenze e accompagnare un’era. Anzi, molte ere.

Lo stile e il carattere: due elementi da calzare a pennello

scarpa inglesina

Il derby Winsor è perfetta espressione di raffinata semplicità

È vero. L’inglesina è una scarpa uomo che parla una lingua più confidenziale, una scarpa con cui instaurare un rapporto di fiducia diverso, da coltivare ogni giorno. Il suo animo meno formale è fatto apposta per la vita di tutti i giorni, senza rinunciare ad uno stile di carattere. È il segreto dei must have e di chi sa indossarli.

Riconoscere una francesina e un’inglesina dai dettagli vuol dire saper abbassare e alzare il tono del proprio outfit con la stessa naturale eleganza.

Occorre poi sapere quando è il caso di scegliere una scarpa inglesina oppure una Oxford. Le occasioni davvero ufficiali sono oggi più rare e anche gli ambienti professionali hanno decisamente ridotto il livello di formalità richiesto.

Ragion per cui la scarpa inglesina sembra andare per la maggiore. Ma, dato che nessuno vorrebbe ritrovarsi a vestire in maniera inadeguata per un’occasione particolare o non sapere quale scarpa indossare per un evento imminente, ci sono cose che occorre conoscere soprattutto a proposito del modello inglesina.

Vediamo quali sono.

Scegliere una scarpa inglesina uomo: un gioco da ragazzi?

No, non è propriamente un gioco da ragazzi. Dopo averla distinta dai modelli francesina, bisogna fare i conti con una scarpa che si pone a metà strada tra l’elegante e l’informale e che, proprio per questo, può confondere un po’ le idee. In effetti, tra i mille articoli e mille spunti presenti sul web, a proposito della scarpa inglesina regna un po’ di confusione. Il primo passo da fare, dunque, è pensare in maniera più semplice possibile. La semplicità è compagna dell’eleganza. Se infatti rimuovendo i lacci riuscite a far scorrere il dito dalla linguetta della scarpa e a procedere senza ostacoli fino alla punta della scarpa stessa, allora quella che avete tra le mani è una Derby, una irresistibile inglesina. La scarpa inglesina uomo è perfetta per look più morbidi. È la stessa allacciatura aperta che trasmette questo mood, facilita la calzata e lascia intravedere di più la calza. Le inglesine sono stringate da calzare in contesti casual. L’outfit è perfetto senza essere soffocante.

Come indossarle quindi al meglio? Un paio di jeans, un pantalone di cotone, una camicia fresca e un cappotto di buon taglio.

Elementi semplici che fanno subito stile. 

Un’inglesina per tutte le occasioni

Una volta provata, la scarpa inglesina colpisce al cuore ed è difficile farne a meno. Ecco perché ricercatissima è anche la scarpa inglesina alta, abbinata a completi in tessuto più compatto, prettamente autunnali o invernali, per un outfit avvolgente e ricco di calore.

E così, sia in primavera che nella stagione fredda, scegliere una scarpa inglesina vuol dire arricchire un outfit informale, più casual, con un irrinunciabile tocco classico. A differenza della Oxford, infatti, la Derby si adatta ad un look leggero, sia liscia che nella versione scarpa brogue.

La Derby Ravenna, ad esempio, con tomaia liscia e fondo cuoio mezza pianta in gomma, è perfetta per le giornate di lavoro molto lunghe in cui si è costretti a stare fuori tutto il giorno. La Derby Cardiff  ,invece, con il suo taglio a coda di rondine che si stende lungo tutto il lato della scarpa, è ideale abbinata a tessuti pettinati ordinari.

E tu hai già deciso quale inglesina regalarti? Comincia da qui.

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *